Tag Archives: neet

I “neet” e un paio di consigli per uscire dal circolo vizioso della disoccupazione

L’articolo uscito su La Stampa che racconta di Ernesto – ventunenne, torinese e “neet” – mi ha molto colpito.

“Neet” è un acronimo inglese che sta per “not in employment, education or training” e che definisce nel gergo comune i giovani fra i diciannove ed i venticinque anni che conducono essenzialmente una vita da pensionato, salvo il fatto di non esserlo e di non percepire alcuna pensione.

Il neet non studia, non ha un lavoro e non ne cerca uno perché di solito lo ha cercato per molto tempo senza risultati ed è talmente sfiduciato da non crederci più. Il neet sprofonda in uno stato di apatia, non agisce e probabilmente perché non sa come farlo. Ernesto, il protagonista dell’articolo, fa il casalingo la mattina, ed il pomeriggio gioca con la PlayStation. Guarda i suoi coetanei vivere normalmente mentre lui non può permettersi nulla; implicitamente mette anche in discussione il proprio diritto a desiderare le cose più normali tipo una serata in discoteca o una vacanza estiva.

La vicenda ha bucato lo schermo ma non scopre nulla di nuovo. In Italia manca da anni una vera politica del lavoro che si occupi di dare un’occupazione a tutti. Alla fine uno Stato se non si preoccupa di pianificare questo, cosa deve fare?
Continue reading